Belgio, scoppia il caso Betway: la società rischia la revoca della licenza

Il settore del gioco costituisce un bel banco di discussione in Italia ed è cosa nota: operatori, giocatori e governo hanno ingaggiato una vera e propria battaglia all’indomani dell’approvazione del Decreto Dignità, il potente mezzo di contrasto all’azzardo voluto dal governo giallo-verde che, dal prossimo luglio, segnerà la fine di ogni forma di pubblicità, diretta o indiretta, con l’espiazione totale degli ultimi accordi vigenti. Ma non solo in Italia, anche in Europa il gioco fa discutere. E in particolare in Belgio, dove l’operatore di scommesse online Betway è finito al centro di una grossa polemica.

Il celebre operatore rischia grosse sanzioni a causa della mancanza di trasparenza circa i suoi proprietari, nonché per l’uso di una licenza cumulativa. Il caso è in realtà cominciato nel 2017, quando, parlando dello scandalo Paradise Papers, la stampa nazionale ha ipotizzato legami tra mafia e Betway. La Commissione del gioco, allora, allertata da queste notizie, ha aperto una indagine, raccogliendo prove per un procedimento sanatorio contro Betway che, se condannato, potrebbe perdere la licenza in Belgio, oltre che subire una pesante multa. Betway opera in Belgio in collaborazione con Casinos Austria International, che gestisce il Grand Casino Bruxelles e Viage. Secondo la legge belga alle società internazionali di gioco si richiede una collaborazione con un operatore di casinò fisici, per ottenere una licenza per l’attività di servizio di gioco d’azzardo e online.

In Belgio è infatti vietato ad una società di possedere licenze in più di una categoria di gioco d’azzardo. Betway, che ha ricevuto la licenza nel 2015, ha poi siglato un accordo con il Casinos Austria ma la Commissione sul Gioco d’Azzardo ha scoperto che una società legata a Betway aveva già anni prima ottenuto una licenza come produttore di gioco d’azzardo.
La normativa belga sul gioco d’azzardo vieta ad una data società di possedere licenze in più di una categoria di gioco d’azzardo. Betway ha ricevuto la sua licenza di gioco d’azzardo online nel 2015, dopo aver siglato la collaborazione con Casinos Austria. Tuttavia, la Commissione sul Gioco d’Azzardo ha scoperto che una società affiliata a Betway aveva ottenuto una licenza come produttore di gioco d’azzardo da parte dell’ente regolatore anni prima. La poca trasparenza sul proprietario o sui proprietari ha fatto poi il resto. Betway ha un grosso bacino di utenza, dal momento che ha avviato diverse strategiche collaborazioni, anche in termini di pubblicità, dal momento che la società sponsorizza la Coppa Croky, la più importante competizione calcistica del paese, ed è sponsor ufficiale dell’Anderlecht, club di prima divisione belga.

Le difficoltà di Betway con i media belgi e l’ente regolatore locale sono iniziate dopo che la società è stata tra quelle indicate nel cosiddetto Paradise Papers, in cui vengono divulgati 13,4 milioni di file di fornitori offshore (in paradisi fiscali) di servizi facendo luce sui vertici della finanza mondiale offshore e sulla loro vita da ricchi e potenti. Su queste basi è stato scoperto che Betway a Malta non è altro che un indirizzo postale. Ora Betway, che dovrà difendersi nelle sedi opportune, rischia grosso, finanche la revoca della licenza in Belgio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *